google-site-verification: googleddfd9414bf2d204a.html
Febbraio 13, 2020 Maria Chiara Antonini
About

Il colore dell'anno 2020: blu o rosa?

Anno nuovo, colore nuovo: è così che ci ha abituati il Pantone Color Institute, che annualmente decreta il colore dell’anno, che andrà poi a influenzare quello che ci circonda nella nostra vita di tutti i giorni. Dall’arredamento alla moda, dall’arte al lifestyle: per 12 mesi tutto ruota attorno a quella speciale tinta di colore, scelta dopo lunghi studi e ricerche su scala internazionale. Ma come nasce? E chi lo sceglie? Tutto è iniziato nel 2000, quando il Pantone LLC, azienda statunitense che si occupa della catalogazione dei colori e della produzione del sistema di identificazione di questi ultimi, fonda al suo interno il Pantone Color Institute, con il compito di stabilire un colore all’anno detto “Color of the Year”.

About
Courtesy of Benjamin Moore for Photofoyer
Courtesy of Benjamin Moore

Da allora, due volte l’anno la società organizza un meeting con tavoli di lavoro che vedono coinvolti diversi specialisti internazionali. Dopo due giorni di dibattito, viene scelto un colore per l’anno seguente, e viene ufficializzato sulla rivista Pantone View. Questa viene poi letta e usata da tutti i designer e artisti per le loro creazioni da commercializzare l’anno successivo. Ma in base a cosa viene scelto proprio quel colore? Ogni anno gli esperti del Pantone Color Institute – trend-setter che viaggiano il mondo alla ricerca delle nuove influenze in fatto di colore – captano gli influssi e i cambiamenti che vengono dagli ambiti più diversi. Possono essere uno stile architettonico, la rivisitazione di una forma nella moda, un nuovo mix di colori diversi, o ancora, un nuovo stile di vita, un bisogno che nasce dai nuovi ritmi di lavoro o un evento sociale particolare. I trend-setter colgono tutti questi “impulsi”, li rielaborano e poi li traducono in una tinta che riassume tutti questi segnali.

 

Per il 2020 è stato scelto il Pantone Classic Blue: una tonalità di blu che secondo gli psicologi rassicura, rasserena e conforta. E che tradotto nel mondo del design e della moda è un colore accogliente, elegante e senza età. Come ha dichiarato Leatrice Eiseman, Executive Director del Pantone Color Institute, “viviamo in un’epoca che richiede fiducia e speranza, e il colore dell’anno 2020 è dotato di profonda risonanza, e costituisce una solida base a cui ancorarsi”. 

 

Ma non tutte le aziende poi si allineano a questo colore dell’anno, convinte che il segreto sia invece quello di proporre diverse alternative, pensate proprio per chi invece vuole essere più indipendente e autonomo rispetto alle tendenze. È il caso ad esempio di un’altra azienda americana: Benjamin Moore. Colosso della pittura dal 1883 e tutt’ora produttore in-house di tutte le sue pitture, vernici e resine, ogni anno decreta il suo colore dell’anno, elaborando sempre nuove nuance e sfumature uniche. Il colore scelto del 2020? Il rosa: tenue, rilassante, luminoso, che cambia a seconda della luce e rimane tuttavia una tinta accogliente e calda.

© All rights reserved

  • Share:
, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,